Accorpamento scuole in Liguria: FLC CGIL “scelta pasticciata a danno di studenti e personale scolastico”

0
70

Comunicato stampa FLC CGIL Liguria

Genova, 29 novembre 2023 – Il Consiglio Regionale della Liguria ha approvato nella serata di ieri un piano di dimensionamento scolastico che prevede a partire dall’anno scolastico 2024/25 – come avevamo anticipato ed avversato – la soppressione di ben 16 scuole nella nostra Regione, con una modalità a dir poco “pasticciata”: ciò che è stato votato a maggioranza viola le più elementari regole di trasparenza e correttezza amministrativa, considerato che non sono stati mai presentati atti amministrativi in merito da parte di Genova Città metropolitana e per le altre province alcuni dimensionamenti sono stati annunciati, ma non risultano nelle relative delibere.

La FLC CGIL Liguria ribadisce nuovamente la propria netta contrarietà a questa politica di tagli alla rete scolastica, che determineranno non solo una riduzione di posti dei dirigenti scolastici e dei direttori amministrativi, ma una diminuzione complessiva dell’organico del personale ausiliario, tecnico ed amministrativo, con un evidente peggioramento dell’offerta formativa, delle possibilità di gestione ed aumentando il numero complessivo degli alunni per istituto, senza diminuire il numero degli alunni per classe.

La FLC CGIL Liguria denuncia la logica puramente ragionieristica, priva di qualunque considerazione del ruolo della scuola pubblica, della più totale mancanza di consapevolezza delle criticità che si causeranno, senza alcuna valutazione del danno complessivo e del peggioramento netto per la vita degli studenti e dei lavoratori delle scuole coinvolte, mentre la scuola avrebbe bisogno di reali investimenti, di maggiori risorse di organico, di più tempo scuola.

La FLC CGIL Liguria continuerà con ulteriori azioni di mobilitazione, non escludendo nessuno degli strumenti a disposizione per limitare la portata di questi provvedimenti che invece di investire continuano a tagliare l’istruzione pubblica, peggiorando e rendendo meno esigibile il diritto allo studio.


clicca qui per andare all'articolo originale