La FLC CGIL Napoli e la CGIL Napoli sono solidali con gli alunni del Liceo Mazzini di Napoli “invitati caldamente” a cancellare dai social le foto dello striscione “Salvini. Not Today!”

La Flc Cgil di Napoli e la Cgil Napoli esprimono totale solidarietà agli alunni del Liceo Mazzini di Napoli che sono stati “caldamente invitati” a cancellare dai social la foto dello striscione “Salvini not today!” che, nel giorno della visita a Napoli del Ministro degli Interni, manifestava in modo libero e civile il dissenso verso le sue scelte politiche.

Inoltre, si stigmatizzano le pressioni indebite che sono state esercitate sul Dirigente Scolastico, colpevole solo di aver rispettato l’art. 21 della Costituzione, augurandoci che nessun’altra conseguenza possa essere paventata nei suoi confronti.

Il clima di censura che si sta sempre più allargando nel Paese è contrario allo spirito e al dettato della nostra Costituzione. In democrazia si deve avere il coraggio di assumersi le responsabilità delle proprie scelte, ancor di più se generano profondo dissenso, senza abusare del “potere” che la Costituzione dà per, paradossalmente e amaramente, usarlo proprio contro la  Costituzione stessa. 

Tutto ciò conferma la necessità di continuare a intraprendere tutte le iniziative opportune per la difesa della libertà di pensiero, di parola e di insegnamento sancite dagli artt. 21 e 33 della Costituzione.

Pertanto, si invita tutta la società civile a partecipare alle manifestazioni unitarie che oggi si svolgeranno in tutta Italia.

Noi, Vi aspettiamo oggi a Napoli in Piazza Dante alle ore 17.00 per un Flash Mob unitario di tutti i sindacati Istruzione e Ricerca più rappresentativi, ognuno con un libro.

Napoli, 24 maggio 2019

Il Segretario Generale della FLC CGIL Napoli
Filippo Sica

Il Segretario Generale della CGIL Napoli
Walter Schiavella

La CGIL Napoli e la FLC CGIL Napoli aderiscono al Teacher Pride in difesa della libertà di pensiero, parola e insegnamento

La CGIL Napoli e la FLC CGIL Napoli aderiranno al Teacher Pride leggendo gli articoli 21 e 33 della Costituzione martedì 21 p.v. alle ore 11.00 a Napoli presso Largo Berlinguer.

L’appello al TEACHER PRIDE è partito dai docenti del Liceo Anco Marzio di Ostia (Roma), indignati per la grave ingiustizia subita dalla professoressa Rosa Maria Dell’Aria, convinti che l’azione punitiva da lei subita ha leso i principi fissati negli artt. 21 e 33 della nostra Costituzione. Ciò mette a rischio per ciascun cittadino e insegnante il rispetto dei diritti costituzionalmente sanciti di libertà di pensiero, parola e insegnamento.

#iononSorveglioSveglio

Martedì 21 maggio, alle ore 11, ogni insegnante, studente, cittadino che voglia riaffermare la libertà di pensiero e di insegnamento, dovunque si trovi, interromperà le proprie attività, si metterà in piedi e leggerà di seguito gli articoli 21 e 33 della Costituzione italiana.
Laddove possibile la lettura solenne sarà fatta in gruppo.
Invitiamo tutti coloro che aderiscono a darne notizia attraverso comunicati stampa e social.
I docenti del Liceo Anco Marzio di Ostia (Roma)