IMMISSIONI IN RUOLO QUOTA 100: 25 MAGGIO 2020 – RESOCONTO INCONTRO IN VIDEOCONFERENZA TRA LE OO.SS. E L’USR CAMPANIA

0
647

Ordine del giorno: informativa sulle immissioni in ruolo previste dal DM 12 del 18/05/2020

La dott.ssa Franzese ha informato che il contingente dei posti di quota 100 (a.s. 2019-20) per la regione Campania è di 540 posti che saranno ripartiti 50% ai concorsi (2016 e 2018) e 50% alle GAE. Le disponibilità saranno al netto dei soprannumerari che hanno diritto al rientro nella sede di precedente titolarità.

In caso di mancanza di disponibilità del posto in organico s’individuerà un posto tenendo presente la tabella di viciniorità.

A causa dell’emergenza epidemiologica le nomine saranno effettuate on line.

A partire da domani gli aspiranti alla nomina riceveranno una mail sull’indirizzo di posta elettronica, dichiarato sul portale di Istanze on line, con la quale verranno informati di essere destinatari di nomina in ruolo.

Le operazioni di immissioni in ruolo dovranno concludersi entro il 5 giugno 2020.

Gli aspiranti inclusi nelle GM individuati daranno riscontro alla mail scegliendo una o più province in ordine di preferenza e successivamente dovranno indicare le preferenze tra le sedi disponibili.

Gli aspiranti inclusi nelle GAE dovranno indicare ovviamente solo le loro preferenze tra le sedi disponibili.

La precedenza L. 104 non è valida per la scelta della provincia ma opera per la scelta della sede.

Gli aspiranti individuati che sono già di ruolo e che non risponderanno alla mail saranno ritenuti rinunciatari. Agli apiranti non di ruolo, in caso di mancata risposta, sarà assegnata una sede d’ufficio.

Come FLC CGIL abbiamo chiesto di avere prima della pubblicazione le disponibilità delle sedi.

Dando seguito alla richiesta unitaria è stato sollecitato l’istituzione del tavolo tecnico sulla sicurezza per gli esami di stato, sono state sottolineate alcune urgenze (licei musicali….) che hanno necessità di essere affrontate.

Come FLC CGIL abbiamo sottolineato la situazione che si sta verificando in alcuni AT per la formazione di classi “pollaio” con la presenza anche di alunni diversamente abili.

La dott.ssa Franzese, nell’evidenziare la necessità di una particolare attenzione da parte del DS nella formulazione dell’organico soprattutto per i vari indirizzi, ha garantito che l’amministrazione cercherà di intervenire in organico di fatto.