Scuola, pagamento supplenti: prevista un’emissione speciale NoiPA per metà dicembre

0
95

A seguito dei nostri ripetuti interventi con il Ministero dell’Istruzione, siamo venuti a conoscenza che NoiPA sta predisponendo un’emissione urgente e speciale per il 13 dicembre che riguarderà il pagamento degli stipendi, comprese gli arretrati, ai supplenti brevi e saltuari, in base alle rate autorizzate di pagamento. La liquidazione dovrebbe, invece, avvenire per il 27/28 dicembre 2023. Tale emissione sarà comprensiva anche delle rate di settembre e ottobre per chi non le ha ancora riscosse.

Non appena riprenderà il pieno funzionamento del portale NoiPA, il cui servizio è stato sospeso a causa del sovraccarico di accessi di questi giorni che hanno provocato un rallentamento dei server del MEF, sarà possibile la consultazione del cedolino di dicembre e si potrà verificare lo stato dei pagamenti in corso di lavorazione nel modo seguente:  

  • accedere all’area riservata di NoiPA con lo SPID;
  • in basso a sinistra nell’Area “Servizi” cliccare su “Stipendiali” e poi “Consultazione pagamenti”;
  • inserire il mese e l’anno della rata di competenza e cliccare su “Ricerca”.

Il ritardo nei pagamenti degli stipendi ai supplenti resta per noi una questione cruciale che stiamo monitorando da tempo e che ci impegna tutt’ora nel continuare a fare pressione sul ministero affinché il sistema sia cambiato in modo da garantire la regolarità della corresponsione delle liquidazioni mensili.

A questo proposito, lo scorso anno scolastico avevamo ottenuto un tavolo sulle semplificazioni amministrative che si era concluso ad aprile, attraverso le quali l’Amministrazione si è impegnata anche a garantire il pagamento tempestivo degli stipendi ai supplenti e oltre che a lavorare per l’eliminazione di Passweb dalle scuole.

Da parte nostra  proseguiremo la nostra azione di sollecitazione fino ad ottenere la regolarità nel pagamento degli stipendi ai supplenti e risolvere una volta per tutte questa grave situazione di insolvenza ricorrente e prolungata  da parte dello Stato nei confronti dei lavoratori precari della scuola.


clicca qui per andare all'articolo originale