Tre ragioni per dire no all’autonomia differenziata

0
506

https://www.flcgil.it/@3967239

Abbiamo chiesto al costituzionalista Mauro Volpi di individuare i principali punti di criticità del progetto Calderoli

17/04/2023

Decrease text size
Increase text size

Collettiva.it

Di Fabrizio Ricci

Continua a crescere il fronte del no all’autonomia differenziata, il disegno di legge presentato dal ministro delle Regioni e delle Province Autonome, Roberto Calderoli. Ma quali sono gli elementi più critici di questo progetto, sostenuto dal governo Meloni? Lo abbiamo chiesto al professor Mauro Volpi, costituzionalista e componente del direttivo del Coordinamento per la democrazia costituzionale (Cdc).

Il professore individua fondamentalmente tre motivi principali di contrarietà al progetto, che attengono all’indivisibilità della Repubblica, all’uguaglianza dei diritti e all’uniformità dei servizi in ogni parte del Paese e alla supremazia del Parlamento e dell’interesse nazionale su quelli delle singole regioni.

La nostra rivista online
Seguici su facebook
Rivista mensile Edizioni Conoscenza
Rivista Articolo 33
Filo diretto sul contratto
Filo diretto rinnovo contratto di lavoro
Ora e sempre esperienza!

[embedded content]

Servizi assicurativi per iscritti e RSU
Servizi assicurativi iscritti FLC CGIL

clicca qui per andare all'articolo originale:

https://www.flcgil.it/rassegna-stampa/nazionale/tre-ragioni-per-dire-no-all-autonomia-differenziata.flc